CANARINA:

Principale

Aria

Acqua

Suono

Elettromagnetici

Che siamo noi?

Testimonianze

Domande

Contatto

DEMO

Giornali

Mondo

 

CUSTIC:

CUSTIC

Vantaggi

Applicazioni

Algoritmi I

Algoritmi II

Grafica

Grafica II

Dati I

Dati II

Dati III

Funzioni

Rumore

Rumore II

Topografia

Importazione

Google maps

Media

GIS

 

Français

 

 

 

 

 

 

 

Rumore II · software · eliminare rumore · insonorizzazione

         

CUSTIC: 10 eliminare rumore · insonorizzazione 11 normativa rumore · inquinamento acustico 12  rumore · pannelli fonoassorbenti 13 materiale fonoassorbenti 14 isolante acustico · fonoisolante 15 Software CUSTIC · inquinamento rumore 16  impatto acustico 17 rumore ambiente 18 normativa valutazione

 

Fisica

Per la propagazione è necessario un mezzo elastico, nel quale la sorgente crea una successione di onde di rarefazione e compressione, che si muovono con una velocità dipendente solo dalle condizioni del mezzo. Tale successione porta le particelle del mezzo a vibrare attorno alla posizione di equilibrio lungo la direzione di propagazione dell'onda (quindi le onde sonore sono onde longitudinali). Vale la legge di Ohm acustica: Δ p = ρ0 c v, cioè la pressione sonora è proporzionale alla velocità di oscillazione delle particelle. Da questa formula si può poi ricavare:

c = \sqrt{\frac{\Delta p}{\Delta \rho}}

che, se valutata lungo una trasformazione adiabatica infinitesima (quindi isoentropica), quale è la trasformazione che si può supporre avvenga per il passaggio del mezzo di propagazione tra la zona di compressione e la zona di rarefazione di un'onda sonora, porta ad esprimere la velocità del suono come:

 c = \sqrt{\frac {E_s} {\rho}}   con Es modulo di comprimibilità isoentropico del mezzo di propagazione.

In particolare per il gas ideale:   c = \sqrt {kpv}.

Si ricorda che nell'aria la velocità del suono dipende fortemente anche dalla temperatura: in particolare aumenta all'aumentare della temperatura.

Si pone solitamente una distinzione importante tra rumore aereo e rumore impattivo: il primo si diffonde nell'aria, il secondo non solo nell'aria, ma anche in corpi solidi vicini alla sorgente.

Criteri di valutazione del rumore:

Per prescrivere criteri di tollerabilità al rumore, bisogna studiarne la forma dello spettro sonoro, la durata e il rumore di fondo. Se ci si basa solo sulla cossidetta pesatura A, si rischia di porre sullo stesso piano rumori con spettro sonoro differente e quindi diversamente disturbanti.

Si è creato allora un metodo di attribuzione di indice al rumore: si sovrappone lo spettro sonoro ad una serie di curve di riferimento (assomiglianti alle curve isofoniche) e si attribuisce al rumore l'indice di valutazione della prima curva sotto la quale rimane l'intero spettro. Come curve di valutazione si usano le NC (Noise Criteria) negli USA e le NR (Noise Ratings) suggerite dall'ISO.

 

 

 

Mappa del rumore. 3 fonti. Gradiente di colori. software · eliminare rumore

 

 

eliminare rumore · insonorizzazione

 

 eliminare rumore · insonorizzazione