CANARINA:

Principale

Aria

Acqua

Suono

Elettromagnetici

Che siamo noi?

Testimonianze

Domande

Contatto

DEMO

Giornali

Mondo

 

DESCAR:

DESCAR

Applicazioni

Vantaggi

Importazione

Algoritmi

Dati I

Dati II

Media

Funzioni

Grafica I

Grafica II

Google maps

Di lavoro con SIG

Termoclino

 

Wikipedia:

Inquinamento I

Inquinamento II Inquinamento III Inquinamento IV

Inquinamento V Inquinamento VI Inquinamento VII

Inquinamento VIII

Inquinamento IX

Inquinamento X

Inquinamento XI

 

 

 

 

 

 

 

Inquinamento idrico I · monitoraggio acque

        

DESCAR: 14 inquinamento acqua e foto 15 Software DESCAR · acqua · tipi di inquinamento 16 progetto inquinamento 17 controllo · acque 18 inquinamento e ricerca 19 inquinamento e immagini 20 rapporto inquinamento 21 inquinamento generale 22 inquinamento fabbriche 23 inquinanti atmosfera 24  abbattimento emissioni 25 indice di contaminazione

 

L'inquinamento idrico è causato da numerosi e differenti fattori quali gli scarichi diretti o indiretti di attività industriali o delle normali attività umane (come i liquami domestici) che giungono nei fiumi, laghi e mari dai grandi centri urbani senza opportuno trattamento.

Il tipo di alterazione sui sistemi idrici può essere di natura chimica o batterica, e le conseguenze possono arrivare a mettere in pericolo la salute della flora e della fauna coinvolta, fino agli uomini, nuocendo al sistema ecologico, alle riserve idriche per uso alimentare, e compromettendo le attrattive turistiche di alcune aree o ostacolare altri usi legittimi delle acque.

Inquinamento idrico è anche lo scarico in bacini idrici di acque a temperature molte elevate, provenienti dai sistemi di raffreddamento delle fabbriche e delle industrie, che portano allo squilibrio dello stato termico dell'acqua e uccidono le forme di vita presenti in essa.

l'inquinamento fluviale da parte degli scarichi agricoli causa l'eutrofizzazione dove i fosfati e i nitrati rilasciati alimentano le alghe che consumano ossigeno e soffocano la vita animale e vegetale.

L'inquinamento delle acque oceaniche è sviluppato oltre che dalla dispersione di idrocarburi (provocati dal rovesciamento di cisterne navali), anche da alcuni sottomarini a propulsione nucleare che, rimasti affondati sui fondali, col passare del tempo verranno corrosi dalla salsedine, con conseguente rilascio di sostanze radioattive.

L'ecosistema viene intaccato da ciò che l'uomo rifiuta e adopera: le grandi crociere sono responsabili del 77% di tutti gli scarichi delle navi, percentuale che include liquami vari, plastiche, perdite di carburante ed gas di scarico.

 

Acque reflue

Le acque reflue sono le acque che,dopo l' utilizzo in attività domestiche,industriali e agricole,rifluiscono.Sono chiamate anche "acque di scarico".

Classificazione in base all'origine

Secondo il D.lgs n. 152/06 e ss.mm.ii. le acque reflue vengono definite nel seguente modo:

acque reflue domestiche: acque reflue provenienti da insediamenti di tipo residenziale e da servizi e derivanti prevalentemente dal metabolismo umano e da attività domestiche;

acque reflue industriali: qualsiasi tipo di acque reflue provenienti da edifici od installazioni in cui si svolgono attività commerciali o di produzione di beni, differenti qualitativamente dalle acque reflue domestiche e da quelle meteoriche di dilavamento, intendendosi per tali anche quelle venute in contatto con sostanze o materiali, anche inquinanti, non connessi con le attività esercitate nello stabilimento;

acque reflue urbane: il miscuglio di acque reflue domestiche, di acque reflue industriali, e/o di quelle meteoriche di dilavamento convogliate in reti fognarie, anche separate, e provenienti da agglomerato;

Sostanze presenti nelle acque reflue

Sostanze galleggianti sono oli, grassi, schiume e, in generale, i composti insolubili più leggeri dell'acqua.

Sostanza sospese sono quelle insolubili di densità uguale o superiore a quella dell'acqua, manetenute in sospensione dalla turbolenza.

Sostanze disciolte.

Materiali biologici sono rappresentati dagli organismi animali e vegetali presenti nell'acqua.

Caratterizzazione acque reflue

Come è facile immaginare però è impossibile individuare tutti i tipi delle suddette sostanze in un'acqua reflua, così tali acque sono caratterizzate attraverso la determinazione di una serie di parametri fisici, chimici e biologici molti dei quali sono presenti sia in acque reflue di origine civile e industriale, mentre alcuni sono presenti soltanto in acque reflue di origine industriale.

Parametri usati per caratterizzare un'acqua reflua

Parametri fisici

bulletTemperatura
bulletConducibilità elettrica
bulletSolidi
bulletColore
bulletOdore

Parametri chimici

bulletpH
bulletAlcalinità
bulletRichiesta di O2: COD, BOD, TOD
bulletTOC
bulletAzoto: Ammoniacale, Organico, Nitriti, Nitrati
bulletFosforo: Ortofosfati, Polifosfati, Organico
bulletOli e grassi
bulletOli minerali
bulletTensioattivi
bulletSostanze tossiche
bulletOssigeno disciolto

Parametri biologici

bulletColiformi totali
bulletColiformi fecali
bulletStreptococchi fecali
bulletEscherichia coli
bulletSalmonelle

 software · monitoraggio acque

monitoraggio acque

 

 monitoraggio acque